Presentata l’ottava edizione dell’Indagine Istat sul Benessere equo e sostenibile

Presentata l’ottava edizione dell’indagine Istat sul Benessere equo e sostenibile. Una utile guida per misurare lo stato di salute dell’Italia attraverso 12 dimensioni del benessere, fra cui gli italiani hanno indicato di prioritizzare nell’ordine una buona salute e attenzione agli stili di vita, l’istruzione e la formazione, la sicurezza personale rispetto alla criminalità, il lavoro e la sua qualità e l’ambiente e la sua tutela. La situazione del complesso delle misure Bes è in miglioramento, ma peggiorano la cura del paesaggio e del patrimonio culturale, le relazioni sociali e la soddisfazione per la vita.

Preoccupa la spaccatura geografica dell’Italia che l’indagine mette a nudo: mentre la situazione descritta al Nord è incoraggiante, in Calabria, Sicilia e Campania oltre la metà degli indicatori indica gravi difficoltà rispetto al resto del Paese.

L’Italia è il Paese che per primo ha introdotto sperimentalmente il Bes nel Documento di economia e finanza. Valutare gli effetti delle decisioni di finanza pubblica oltre i soli effetti sul PIL è la strada da perseguire. Per questo Attua fa proprie le indicazioni che ne derivano e si impegna a far sì che anche nei territori si possano sperimentare azioni orientate ad incrementare il benessere in maniera sostenibile ed equa, con particolare attenzione alle regioni in maggiore difficoltà.

Categorie

Articoli recenti

2019-01-21T10:25:11+00:00Dicembre 18th, 2018|Categories: Generale|0 Comments